• 11/10/2022
  • Prodotti

Olio motore senza olio?

Perché gli oli motore diventano sempre più fluidi e a un certo punto l'olio motore potrebbe non contenere più olio

La tendenza è quella di utilizzare oli motore sempre più sottili per ridurre il consumo di carburante e le emissioni. Tuttavia, il motore deve essere progettato anche per questo tipo di olio, altrimenti si rischiano danni costosi. Ma l'olio motore non può diventare arbitrariamente sottile, almeno non se è a base di olio. Oliver Kuhn, vice-direttore del laboratorio dell'olio LIQUI MOLY, illustra il contesto.

Cosa significa olio motore denso o sottile?

Oliver Kuhn: La viscosità dell'olio motore è indicata da due numeri, ad esempio 5W-30. Il primo numero con la "W" indica la viscosità a bassa temperatura, ovvero quanto è ancora liquido l'olio a basse temperature. Il secondo numero indica la viscosità ad alta temperatura, ovvero quanto è liquido l'olio alle alte temperature. Per entrambi i numeri vale quanto segue: più sono alti, più l'olio è viscoso, ovvero denso. E viceversa: più sono bassi, più l'olio è fluido.

Perché l'olio motore diventa sempre più fluido?

Oliver Kuhn: Ciò dipende dalle case automobilistiche e dai loro sforzi per ridurre ulteriormente le emissioni dei veicoli. Quanto più fluido è l'olio motore, tanto minore è la forza che il motore deve applicare per pomparlo. Questo ottimizza il consumo di carburante. L'effetto non è enorme, ma l'olio sottile è una delle tante viti di regolazione che le case automobilistiche stanno girando per aumentare l'efficienza dei loro veicoli. Il nostro compito come produttori di oli è quindi quello di sviluppare oli motore fluidi ma che offrano le prestazioni necessarie.

Ma come può un olio così sottile lubrificare correttamente?

Oliver Kuhn: Questo è possibile solo con la più moderna tecnologia di lubrificazione. Gli oli motore sono costituiti da due componenti fondamentali: l'olio di base e i pacchetti di additivi. Mentre in passato era l'olio di base a determinare le prestazioni più importanti dell'olio motore, oggi i responsabili sono i pacchetti di additivi. Nel caso degli oli a bassa viscosità, sono loro a fornire non solo pulizia e protezione dalla corrosione, ma anche raffreddamento e lubrificazione. L'olio di base, ovvero l'olio vero e proprio, è quindi poco più di un semplice fluido vettore per i pacchetti di additivi. I moderni oli contengono quasi un terzo dei pacchetti di additivi.

Cosa succede se verso un olio così sottile in un motore non progettato per questo scopo?

Oliver Kuhn: Se un motore non è progettato per questo, non è assolutamente il caso di farlo, perché il film d'olio è semplicemente troppo sottile per il motore: non è in grado di reggere il carico e si lacera. Un film d'olio incrinato comporta un aumento dell'usura, che può arrivare fino al grippaggio dei cuscinetti, e questo, a sua volta, può comportare danni conseguenti, e addirittura gravi danni al motore.

Cosa succede se si versa un olio troppo denso nel motore?

Oliver Kuhn: In questo caso, la lubrificazione vera e propria è un problema minore, a parte il fatto che il consumo di carburante aumenta. Tuttavia, per spingere l'olio denso attraverso i piccoli canali progettati per l'olio sottile, la pompa dell'olio deve lavorare di più, e questo può sovraccaricarla e guastarla, lasciando il motore completamente privo di lubrificazione.

Come faccio a sapere qual è l'olio giusto per un veicolo?

Oliver Kuhn: Basta dare uno sguardo al manuale, dove è indicata la specifica dell'olio necessaria. Oppure, si può consultare la guida agli oli gratuita all'indirizzo www.liqui-moly.com. Bastano pochi clic per ottenere una panoramica degli oli adatti.

Quanto può diventare fluido l'olio motore?

Oliver Kuhn: Questa è una domanda entusiasmante. La viscosità più bassa attualmente specificata per l'olio motore è 0W-8. È quasi un olio unigrado. La difficoltà qui, oltre alla lubrificazione, è soprattutto l'evaporazione, poiché quanto più è fluido un olio, tanto più facile è l'evaporazione. Nello 0W-8 è ancora possibile mantenere questo equilibrio. Per viscosità ancora più basse, probabilmente sarebbe necessaria una sostanza chimica completamente diversa, che non si baserebbe più sull'olio. Lo 0W-8 è comunque limitato al mercato giapponese. Finora solo l'Organizzazione giapponese per gli standard automobilistici (JASO) ha pubblicato le specifiche per lo 0W-8, ma né l'Associazione europea dei produttori di automobili (ACEA) né l'API americana l'ha fatto. Inoltre, lo 0W-8 è destinato esclusivamente ai motori a benzina. Nei motori diesel, lo 0W-20 rappresenta attualmente la viscosità più bassa. Ciò è dovuto al carico di pressione più elevato.

Gli oli motore così sottili si vedono soprattutto nelle automobili. Com'è la situazione per motociclette, veicoli commerciali e imbarcazioni?

Oliver Kuhn: La maggior parte del lavoro di sviluppo di oli motori fluidi si svolge nel settore delle autovetture. Anche per i veicoli commerciali esiste una tendenza verso oli più fluidi, ma molto più lenta: vi è un'enorme preoccupazione legata al fatto di ottenere un risparmio di carburante attraverso l'aumento dell'usura. Anche per le motociclette si registra la tendenza a utilizzare oli più fluidi, ma solo fino a xW-30. Ciò dipende anche dal fatto che in molti modelli l'olio motore lubrifica anche il cambio e deve quindi presentare caratteristiche particolari. Inoltre, le imbarcazioni in genere non hanno bisogno di una bassa viscosità alle basse temperature: pochissime escono in acqua a meno 20°C. Oltretutto, la tecnologia del motore non cambia così rapidamente come quella delle automobili.

Tobias Gerstlauer
Leiter Öffentlichkeitsarbeit D/A/CH
Telefono:
+49 731 1420-890
Fax:
+49 731 1420-82
E-mail:
tobias.​gerstlauer@​liqui-​moly.de