• 29/12/2020

LIQUI MOLY a caccia di record

Dopo un novembre da record per il produttore tedesco di oli motore e additivi, il mese del Natale segue con un ulteriore primato e un incredibile aumento del 38% del fatturato rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente

Lo specialista di lubrificanti di Ulm durante la crisi ha seguito il percorso giusto. Due mesi da record consecutivi danno ragione a Ernst Prost, amministratore delegato di LIQUI MOLY, e alla sua strategia anticiclica. Il fatturato di novembre era già superiore del 26% rispetto al novembre del 2019. Ora dicembre presenta un 38% in più rispetto allo stesso mese dell'anno precedente. L'azienda ha reagito alla crisi mondiale con enormi investimenti. Il budget di marketing è più che raddoppiato, non c'è stata cassa integrazione e non sono stati richiesti aiuti statali. Al contrario: Anche durante la pandemia, LIQUI MOLY si è dimostrata un'azienda con grande responsabilità sociale, offrendo al suo personale una garanzia di occupazione e 1500€ di bonus coronavirus. Ai co-imprenditori, come vengono chiamati i dipendenti in LIQUI MOLY, è stato richiesto un notevole impegno per un periodo molto difficile. “Stiamo lavorando giorno e notte. La crisi è il nostro momento per superare la concorrenza“, spiega Ernst Prost, che descrive il suo approccio con una manovra nautica: “Tutti in coperta e avanti a tutta velocità!". L'azienda presta particolare attenzione a essere presente per i propri clienti di tutto il mondo. “Ora la pula si separa dal frumento. Siamo un partner affidabile. Da noi non risponde una segreteria telefonica e nessuno dei nostri clienti riceve una risposta automatica alla sua e-mail. Servizio personalizzato e dedicato: solo questo è importante“, afferma l'amministratore delegato. Questo funziona solo con una squadra molto motivata che rema nella stessa direzione. L'amministratore delegato sa che è un periodo difficile per la sua azienda e per tutti i partner commerciali. “Posso fare affidamento al 100% sui miei 1000 uomini e donne. E li ringrazio di questo. Desidero anche ringraziare i nostri clienti e partner per la loro particolare fedeltà! Siamo riusciti a raggiungere questi record di vendite solo insieme. Questo è stato un lavoro di squadra“.

Quest’anno l'azienda con sede nella città sveva di Ulm ha destato particolare attenzione con la sua strategia offensiva. Con i massicci investimenti nelle attività di marketing, il produttore di lubrificanti è ancora più visibile al pubblico rispetto a tutti gli anni precedenti. L'azienda è presente in radio, in TV, sulle riviste, online e in numerose manifestazioni sportive come la Formula 1 o gli sport invernali. “Ci distinguiamo. E deve essere proprio così. I beneficiari della nostra enorme offensiva non siamo solo noi, ma soprattutto le officine e i rivenditori che realizzano fatturato con i nostri prodotti. In un certo senso li stiamo aiutando. Abbiamo sempre costituito delle riserve per poter agire in tempi difficili. Ed è esattamente quello che facciamo ora“, spiega il titolare di LIQUI MOLY. Questa strategia ovviamente ha funzionato. Durante la crisi l'azienda ha assunto più di 100 persone. Inoltre, solo in Germania sono stati donati circa 5,6 milioni di euro di prodotti ai servizi di soccorso, alle organizzazioni di pronto soccorso, ai servizi di assistenza, al programma “pasti a domicilio” e a molte altre organizzazioni senza scopo di lucro.  “Lo sapete: in una crisi di questo genere dobbiamo restare uniti. La nostra azienda sta andando bene nonostante la crisi e riteniamo che sia nostra responsabilità contribuire al funzionamento della società. Ogni veicolo di pronto intervento senza olio motore resta fermo. I nostri prodotti consentono alle organizzazioni di avere un po’ di respiro finanziario in altri settori. Così siamo stati in grado di fare la nostra parte", sottolinea Ernst Prost.

Il secondo mese da record di fila non è una sorpresa per l'amministratore delegato. “È la logica conseguenza del nostro comportamento coraggioso, la ricompensa per il nostro duro lavoro e la nostra coesione. Ma la crisi non è ancora stata superata. Non dobbiamo riposare sugli allori del 26% di novembre e del 38% di dicembre . Combatteremo insieme anche nel 2021". Il titolare dell'azienda è fiducioso di poter festeggiare ulteriori successi il prossimo anno creando ulteriori posti di lavoro.

Peter Szarafinski
Head of Media Relations International
Telefono:
+49 731 1420-189
Fax:
+49 731 1420-82
E-mail:
peter.​szarafinski@​liqui-​moly.de