La responsabilità delle imprese verso la società

L’amministratore delegato di LIQUI MOLY Ernst Prost parla dell'economia al di là del fare economia

Cari compagni di viaggio.

Ecco un’altra patata bollente... Qualcuno pensa che avere un'azienda significhi fare più soldi possibili e basta. Non importa come, con cosa e con chi. Ma questo non funzionerà molto bene in una società illuminata e quindi informata. (Almeno lo spero.) Inoltre, un tale atteggiamento e un tale comportamento non rendono giustizia al commerciante onesto, alla sana imprenditorialità e ai principi dell'economia di mercato libera e sociale e fanno acqua da tutte le parti. Le imprese hanno una responsabilità sociale e collettiva, e se non fosse così non sarebbero buone a nulla!

I marchi sono spesso la “vetrina” delle aziende con cui si mettono in mostra. I marchi sono uno specchio che riflette ciò che la direzione aziendale pensa, il suo modo di agire e i suoi principi di guida. Quando questo specchio di etica, morale, decenza, responsabilità sociale e utilità collettiva non riflette nulla, il cliente passerà oltre non badando più al marchio, all'azienda e ai prodotti – anche se fosse a buon mercato.

L'intero spettro di un'azienda ha molto a che fare con la fiducia, perché non tutto ciò che è importante è anche visibile... Anche nella nostra epoca della trasparenza basata su Internet ci vuole fiducia – non solo nelle istituzioni e nelle aziende, ma in primis nelle persone che vi stanno dietro, che incarnano ed esemplificano l'azienda stessa, il marchio, la filosofia aziendale, i valori e i principi. Soprattutto in tempi di crisi, la gente guarda dietro la facciata e vuole sapere qual è l’azienda e chi sono le persone che stanno dietro le quinte dei servizi e dei beni offerti. Allora è bene non essersi limitati a coniare frasi semantiche vuote prese dalla scatola delle costruzioni marketing, ma vivere e amare il marchio realmente, rimanere fedeli ai propri principi e assumersi le proprie responsabilità. Le persone si accorgono ben presto se il testo è stato creato da un'agenzia pubblicitaria o se nasce autenticamente dal cervello, dal cuore e dall'anima di un team che è sinonimo del prodotto e del suo beneficio, così come dell’essenza del marchio, dei valori aziendali e della responsabilità socio-politica di un'azienda.

Mi viene il voltastomaco quando vedo come alcuni dirigenti aziendali calpestano le loro responsabilità sociali e collettive solo per guadagnare qualche centesimo in più. Allora si licenziano o mandano in cassa integrazione le persone, ci si infischia di tutti gli standard, ci si lamenta implorando lo Stato che conceda degli aiuti e allo stesso tempo si fanno corsi d’esercizio dal costo esorbitante per migliorare l'immagine dell'azienda... Per non parlare del pagamento di dividendi abbondanti, utilizzando tutti i trucchi fiscali disponibili in abbinamento a un feroce dumping sociale.

Dirigere un’azienda in modo autentico e sostenibile creando fiducia è tutt'altra cosa. L'economia deve servire le persone e non il contrario! La solidarietà con la società, la lealtà verso gli individui, la comunità e lo Stato, nonché una gestione economica dignitosa e prudente è quello che le persone si attendono da un’azienda, se vuole che acquistino i suoi prodotti. Ora più che mai. E ora più che mai, NOI ci sforziamo di affrontare questo compito giorno per giorno, per giustificare la fiducia riposta in noi e per essere all'altezza della nostra responsabilità sociale e collettiva.

Il vostro Ernst Prost