Wähle ein anderes Land oder eine andere Region, um Inhalte für deinen Standort zu sehen. Select another country or region to see content for your location. Seleccione otro país o región para ver el contenido de su ubicación. Selecteer een ander land of een andere regio om de inhoud van uw locatie te zien. Vælg et andet land eller område for at se indhold, der er specifikt for din placering. Voit katsoa paikallista sisältöä valitsemalla jonkin toisen maan tai alueen. Choisissez un pays ou une région pour afficher le contenu spécifique à votre emplacement géographique. Επίλεξε μια άλλη χώρα ή περιοχή, για να δεις περιεχόμενο σχετικό με την. Scegli il Paese o territorio in cui sei per vedere i contenuti locali. 別の国または地域を選択して、あなたの場所のコンテンツを表示してください。 Velg et annet land eller region for å se innhold som gjelder der. Escolha para ver conteúdos específicos noutro país ou região. Välj ett annat land eller område för att se det innehåll som finns där. Konumunuza özel içerikleri görmek yapmak için başka bir ülkeyi veya bölgeyi seçin. Chọn quốc gia hoặc khu vực khác để xem nội dung cho địa điểm của bạn

Diese Box wird angezeigt, da die Seitensprache nicht mit einer den Browsersprachen übereinstimmt.

Close



"Stai zitto e basta – ma è snervante!"

La “forza creativa umana e l’inventiva associata” sono state finora trascurate ingiustamente nei “calcoli”, spiega Ernst Prost

Gentili colleghe, cari colleghi.

Quando sento e leggo tutto ciò che dicono i nostri economisti, teorici, esperti auto proclamati, i nostri politici e chi altro si sente in dovere di sparare a zero sul nostro futuro economico, mi si rivolta lo stomaco. "La crisi peggiore dai tempi di Alessandro il Grande", "un declino senza precedenti". E’ chiaro che non ci sarà un miglioramento così rapido e che, con ogni probabilità, anche il nostro prodotto interno lordo peggiorerà rispetto agli ultimi anni; questo lo sa chiunque. Ma prevedere con precisione il calo del prodotto nazionale lordo e l'aumento della disoccupazione al decimo di punto percentuale dopo la virgola è ciarlataneria. Gli stessi governanti non sanno nulla di preciso! Altrimenti non si giungerebbe sempre a previsioni e opinioni diverse. Lo ripeto ormai da decenni: "La congiuntura non è quello che sta accadendo e quello che prevedono i sapientoni, ma ciò che fa l'economia con le sue imprese e le sue squadre". L'accento è posto sul "fare", non sul "guardare la sfera di cristallo”. Ammesso che questi scenari di recessione e apocalittici siano anche infondati e sbagliati, una cosa riescono sempre a fare, ovvero quella di sconvolgere e spaventare la gente. Ma come si può? Che senso ha tutto questo?

Tutti sanno che l'economia ha molto a che fare con la psicologia e se poi alcuni "super esperti" autoproclamati dalle  conoscenze specifiche sanno prevedere la scomparsa totale o parziale dell’Occidente, non c'è bisogno di sorprendersi se la gente smette di consumare e, di conseguenza, le imprese non investono nemmeno più. Si tratta di profezie negative che si auto-avverano e, purtroppo, portano poi anche in realtà al vortice discendente innescato. Non chiedo a nessuno di descrivere la situazione in modo più roseo di quanto non sia, ma anche le tinte scure non aiutano. E poi sempre queste formulazioni brutali dalle pretese apocalittiche. Perché non dicono subito: "La fine è vicina?". Risulta evidente come questi signori amino superare gli altri con previsioni ancora più drastiche nelle loro profezie...

Basta star zitti e osservare come le aziende, gli artigiani, gli imprenditori, i dipendenti e i lavoratori se la caveranno in questa battaglia. Le previsioni già non sono corrette in tempi normali. Uno sguardo alla fine dell'anno precedente rivela ogni volta le inesattezze di ogni previsione. Dopo tutto, chi dice che dopo la quarantena forzata le persone non abbiano doppiamente voglia di consumismo, di andare al ristorante, caffè, cinema, o il desiderio di nuove auto e vacanze? Chi dice che dopo questa crisi non prenderanno piede delle tecnologie completamente nuove, nuovi modi di lavorare, nuovi mercati , dando un nuovo slancio e alimentando il prodotto nazionale lordo invece di rovinarlo? Queste “operazioni di calcolo” ormai non servono più a nulla, perché non tengono conto della componente dinamica di un’economia stabile e forte: cioè la forza creativa umana e la relativa inventiva. A chi serve veramente sentire che stiamo scivolando nella più grande crisi vista finora? Proprio a nessuno. La cosa principale è fare paura…. Per favore, cari dirigenti istituzionali, ricercatori di mercato e dirigenti istituzionali, tenete la bocca chiusa una buona volta. Lasciate lavorare in pace gli imprenditori, artigiani, operai, impiegati e i lavoratori autonomi. Tra qualche mese potrete spiegarci perché le vostre previsioni negative sull’andamento dei nostri risultati economici erano sbagliate. Ma ora smettetela di sbandierare ogni giorno cattive notizie al paese. Questo è snervante - ed è dannoso!

Con i miei migliori saluti

Ernst Prost


Italia

Europe

Bosna i Hercegovina
Czechia
Danmark
Deutschland
Eesti
España
France
Great Britain
Hrvatska
Ireland
Italia
Kosovë
Latvija
Lietuva
Magyarország
Nederland
Norge
Österreich
Polska
Portugal
Schweiz
Slovensko
Srbija
Suomi
Sverige
Türkiye
Ελλάδα
Македонија
Монтенегро
Россия
Србија
Украина

Asia Pacific

Australia
Brunei
Indonesia
Malaysia
Myanmar
New Zealand
Pakistan
Singapore
Thailand
Việt Nam
Казахстан
Киргизия
ישראל
ایران
中国
日本
대한민국

Americas

Argentina
Bolivien
Brasil
Chile
México
Paraguay
Perú
Trinidad & Tobago
Uruguay

The United States, Canada and Puerto Rico

Canada
USA

Africa, Middle East and India

South Africa
Uganda