Wähle ein anderes Land oder eine andere Region, um Inhalte für deinen Standort zu sehen. Select another country or region to see content for your location. Seleccione otro país o región para ver el contenido de su ubicación. Selecteer een ander land of een andere regio om de inhoud van uw locatie te zien. Vælg et andet land eller område for at se indhold, der er specifikt for din placering. Voit katsoa paikallista sisältöä valitsemalla jonkin toisen maan tai alueen. Choisissez un pays ou une région pour afficher le contenu spécifique à votre emplacement géographique. Επίλεξε μια άλλη χώρα ή περιοχή, για να δεις περιεχόμενο σχετικό με την. Scegli il Paese o territorio in cui sei per vedere i contenuti locali. 別の国または地域を選択して、あなたの場所のコンテンツを表示してください。 Velg et annet land eller region for å se innhold som gjelder der. Escolha para ver conteúdos específicos noutro país ou região. Välj ett annat land eller område för att se det innehåll som finns där. Konumunuza özel içerikleri görmek yapmak için başka bir ülkeyi veya bölgeyi seçin. Chọn quốc gia hoặc khu vực khác để xem nội dung cho địa điểm của bạn

Diese Box wird angezeigt, da die Seitensprache nicht mit einer den Browsersprachen übereinstimmt.

Close



"La paura mangia l’anima / la cacofonia genera paura"

Ernst Prost parla di "ipotesi, mezze verità, opinioni personali e approcci non coordinati" e spiega perché attualmente sono controproducenti

Gentili colleghe, cari colleghi,

 

"La paura mangia l’anima", così si chiama un film del 1974 di Rainer Werner Fassbinder. Non è necessario averlo visto, ma la frase, in tedesco scritta grammaticalmente sbagliata apposta, mi è rimasta impressa nella mente. Tutti abbiamo paura. Paura della perdita, paura delle relazioni, paura del fallimento, paura della morte. Non si finisce più di elencare quello di cui si potrebbe aver paura. I Galli di Asterix & Obelix avevano sempre paura che il cielo cadesse loro sulla testa. Bene, ora ridiamo. Ma tutte le paure non sono in qualche modo irrazionali, surreali e da temere?? Svegliarsi tutti sudati, tormentati dagli incubi e da paure primordiali. Beh, a me succede spesso. E a volte mi ci vogliono un paio d’ore prima di riuscire a scacciare i fantasmi della paura oscura e tetra. La paura sta nelle ossa, si dice, cioè in profondità. Ma che diamine. Allora, la paura è normale, come molte altre cose nella vita che non ci piacciono. 

Sapete che cosa mi fa più paura? È questa cacofonia - cioè tante ciance - che dai centri di potere e le autorità federali e nazionali, i centri di eccellenza, le roccaforti della conoscenza, i gruppi di esperti e i talk show sta attualmente invadendo le orecchie dei cittadini disorientati. Ecco che un esperto/politico mette in guardia proprio da un abbassamento troppo tempestivo della stessa, mentre l'altro, attraverso i suoi occhiali da ministro della salute, vede già la luce alla fine del tunnel. In questo caso, uno dice una cosa e contemporaneamente l'altro ne dice un’altra. Così senza sosta si ha paura, si dà da pensare, si mette in guardia, si agita, si chiede, si disapprova, si ammonisce, naturalmente si discute anche seriamente e, ovviamente, si consultano altri esperti e politici in tutto il mondo. E in ogni caso, alcune cose non le vogliono permettere in alcun modo, mentre altre devono essere affrontate con la massima coerenza o almeno messe in discussione.

Mascherina di protezione sì o no? O forse... "Nessun posto di lavoro andrà perso". (Ministro dell'economia Altmaier). Un battito di ciglia più tardi: "Dobbiamo prepararci a tagli seri, profondi e lunghi" (Ministro dell'economia Altmaier). "Presto sarà tutto finito". “Allora, prima di Pasqua o di Pentecoste non se ne parla proprio di un avvio rapido o lento”. La paura arriva quando non si sa nulla. Per esempio, nell'oscurità (o se siete ciechi. – o governati da ciechi). E' davvero spaventoso ascoltare gli altri (per esempio le autorità) che non sanno nulla, ma fanno finta di sapere qualcosa. Si sa che si raccontano tante fesserie quando il giorno è lungo – o quando si vogliono vincere le elezioni. E qualcosa si deve pur dire ai cittadini e al popolo – alle persone angosciate e preoccupate. Ma si dovrebbe essere almeno coerenti e quindi avere un'interpretazione più o meno valida e basata su fatti concreti. Ma qui un rappresentante del popolo fissa con lo sguardo corrucciato la macchina fotografica e ci mette in guardia dal considerare la crisi come uno sprint, visto che assomiglia piuttosto a una maratona. Mentre il collega dell’altro ministero o dell’altro partito vede già la curva dei contagi appiattita – ma con i dati dell'istituto RKI di ieri.

QUESTO fa paura e solleva la questione di chi sa veramente cosa sta succedendo e cosa dobbiamo fare noi. E la domanda aggiuntiva che ci si deve porre è perché così tanti luminari, professionisti, politici ed esperti si comportano come se sapessero cosa fare e persino cosa si dovrebbe fare subito e senza alternative – e perché devono anche comunicarcelo. E' veramente strano spiegare e anche prescrivere ai cittadini cosa fare o non fare adesso sulla base di ipotesi, mezze verità, opinioni personali e pratiche discordanti. Che sia logico o sensato, fa lo stesso. Pazienza se il mio Brico fai-da-te in Baviera è stato chiuso a causa della pandemia di Coronavirus, allora andrò in Baden-Wurttemberg. No, nessuno vuole creare confusione, ma è esattamente ciò che sta accadendo – o meglio è quello che si sta facendo. Non sto neppure dicendo che si stia mentendo: alcune dichiarazioni sono state fatte per pura disperazione (o speranza) e alcune parole rivelano un rapporto un po’ diviso tra i fatti e la verità. Così non si costruisce la fiducia. Fomentare la paura però sì...

RESTIAMO fiduciosi e ottimisti, senza paura e costruttivi!

 

Il vostro

Ernst Prost

Amministratore delegato


Italia

Europe

Bosna i Hercegovina
Czechia
Danmark
Deutschland
Eesti
España
France
Great Britain
Hrvatska
Ireland
Italia
Kosovë
Latvija
Lietuva
Magyarország
Nederland
Norge
Österreich
Polska
Portugal
Schweiz
Slovensko
Srbija
Suomi
Sverige
Türkiye
Ελλάδα
Македонија
Монтенегро
Россия
Србија
Украина

Asia Pacific

Australia
Brunei
Indonesia
Malaysia
Myanmar
New Zealand
Pakistan
Singapore
Thailand
Việt Nam
Казахстан
Киргизия
ישראל
ایران
中国
日本
대한민국

Americas

Argentina
Bolivien
Brasil
Chile
México
Paraguay
Perú
Trinidad & Tobago
Uruguay

The United States, Canada and Puerto Rico

Canada
USA

Africa, Middle East and India

South Africa
Uganda