• 27/04/2020
  • Corona-Krise

„Gatti castrati“

Nella sua circolare di oggi ai suoi colleghi, Ernst Prost critica le persone che non hanno alcuna responsabilità, ma che credono di sapere esattamente dove sbagliano gli altri

Cari compagni di viaggio,

 

Potrebbe essere 35 o anche 40 anni fa quando abbiamo avuto come ospite il signor Manfred Maus al nostro Marketing Club di Augusta. Quest'uomo, insieme ad altre due persone, ha fondato la catena OBI... Naturalmente stavo seduto in prima fila con una matita appuntita e un bel po’ di carta. Qui c'era qualcosa da imparare! Il mio bloc-notes si è riempito e hanno iniziato con le domande. "Sono il Doktor Dippel della Dippel & Partner. Mi interesserebbe sapere perché ha fatto quella cosa in un modo e non in un altro. Non era molto meglio se questa cosa l’avesse fatta in questo modo e non viceversa? Che ne dice, Sig. Maus?" Mi sono cadute la matita e la mascella contemporaneamente. E improvvisamente è caduto il silenzio in sala. Il Sig. Maus ha fissato per un po' il ben vestito Doktor Dippel e poi ha detto: “Lei è sicuramente un consulente aziendale” “Giusto. Doktor Dippel, società di consulenza strategica Dippel & Partner." "Mi scusi, ma Lei mi sembra un gatto castrato. Lei saprà come si fa, ma non ci riesce."...  Boom – Manfred Maus aveva parlato...  Non lo dimenticherò mai e ogni volta che incontro un saccente mi viene in mente questa storia.

Tanti anni fa mi è successa un’altra storia del genere negli Stati Uniti. Gary Boyd – il nostro primo venditore – e io eravamo a Las Vegas al SEMA Show presso il nostro stand. Che non era molto grande, anzi, direi piuttosto piccolino. Di USP (unique selling point = punto di vendita esclusivo) non ne avevamo nemmeno uno, ma per la prima volta venivano offerti gli oli motore di Liqui Moly negli Stati Uniti d'America. Wow! Gary disse: "No chance, Mr. Prost. We are too expensive, siamo troppo cari”. – E allora avevamo un USP. Abbiamo preparato un cartello: “The most expensive oil in the U.S. but from Germany” (l’olio più caro degli Stati Uniti ma che arriva dalla Germania). Questo episodio da venditori però è solo una considerazione a margine. Oggi voglio parlare di saccentoni e non di pionieri... Il secondo giorno di fiera due signori del primo tipo sono venuti a dire a Gary e a me che stavamo sbagliando tutto, che dovevamo fare tutto diverso da come stavamo facendo. Gary, il californiano abbronzato della serie dream boy, ha ascoltato per un po' quello che qui signori di Boston dicevano di sapere, poi ha chiesto in modo molto educato: “When you are so clever, why aren’t you so rich?“ (ma se siete così intelligenti, perché non siete anche tanto ricchi?) Una di quelle frasi da scacco matto che non dimenticherò mai in tutta la mia vita.

Thank you Gary Boyd, grazie Manfred Maus.

 

Auguro a tutti una settimana sana, gioiosa e di successo!

Il vostro

Ernst Prost

Amministratore delegato