• 17/04/2020
  • Corona-Krise

“È sbagliato quello che stiamo facendo? Regaliamo più di quanto vendiamo"

Perché sono "giorni buoni in cui regaliamo più di quanto vendiamo", spiega Ernst Prost, amministratore delegato in questa circolare

Cari colleghi,

È sbagliato quello che stiamo facendo? Al momento stiamo regalando più di quanto stiamo vendendo. Questo deriva da due motivi: In primo luogo, gli affari non vanno in modo ottimale, per usare un eufemismo. In secondo luogo, da tutta la Germania e da molti altri paesi in cui lavoriamo, riceviamo numerose domande, richieste e istanze: servizi di soccorso, ambulanze, pasti a domicilio, servizi di assistenza mobile, trasporto di disabili e pazienti, vigili del fuoco, Croce Rossa ecc..
Non mi stupisce più che la nostra comunità esemplare, il nostro senso civico e i nostri sistemi di soccorso non abbiano eguali in tutto il mondo. I veicoli e la tecnologia sono solo un lato della medaglia.

Ci vogliono le persone – e questo l’ho notato chiaramente anche questa volta: molte persone lavorano su base volontaria in questi settori per il bene della collettività. Ho il massimo rispetto di queste persone. Anche se talvolta in questo nostro paese qualcosa scricchiola, possiamo essere orgogliosi di una società disinteressata, impegnata e caratterizzata dalla carità, che agisce proprio secondo questi principi.

Questa crisi ha dato a noi della Liqui Moly la possibilità di partecipare al bene comune con ancora più intensità di prima. Questo lo facciamo con i prodotti di nostra produzione che consegniamo gratuitamente ai servizi di soccorso. Abbiamo già consegnato centinaia di ordini. Naturalmente ci assumiamo anche i costi di trasporto per le consegne. Rinunciamo agli attestati fiscali. A Ulm ora abbiamo creato un team che si occupa esclusivamente della gestione e della spedizione di tali richieste e ordini.

Tutto questo per me è fantastico! Sono giorni in cui regaliamo più di quanto vendiamo. Sono giorni buoni.❤

Cordialmente
Il vostro

Ernst Prost