FAQ

Se qui non trovate una risposta alla vostra domanda, potrete rivolgervi alla nostra consulenza tecnica. Telefono: +49 731 1420-871

Negli oli motore moderni deve essere in ogni caso garantita la possibilità di miscelarli tra loro. Perché non sempre il conducente medio è consapevole di quale olio motore è stato usato in officina durante il cambio dell’olio.

No! Ovviamente potete utilizzare sempre il prodotto LIQUI MOLY adatto al vostro motore.

Non è necessario essere dei tecnici per aggiungere olio per motore alla propria vettura. Tuttavia bisogna tener conto di un paio di cose essenziali:

  • Prima del rabbocco bisogna controllare l’esatto livello dell’olio. Questa operazione si esegue con l’asticella dell’olio (solitamente identificata da un colore nella zona del bocchettone di riempimento olio). La vettura deve anche trovarsi su una superficie piana. Per il controllo, estrarre semplicemente l’asticella di misurazione, pulirla dai residui di olio presenti, reinserirla ed estrarla nuovamente. Ora è possibile leggere l’esatto livello dell’olio e se necessario lo si può rabboccare.
  • Sull’asticella dell’olio, la distanza tra la tacca di MIN. e MAX. corrisponde solitamente alla quantità di un litro di olio.
  • Usare l’olio corretto. Se non si conosce il tipo di olio da usare, possono esservi di aiuto la nostra guida agli oli o la nostra consulenza telefonica al numero +49 731 1420-871.

Il livello dell’olio deve essere sempre corretto. Perché una mancanza come anche un eccesso di olio può provocare notevoli danni al motore. Se si rabbocca con troppo olio, si possono creare troppe bolle d’aria. Queste bolle d’aria vengono poi aspirate dalla pompa dell’olio e convogliate attraverso il motore ai punti da lubrificare. Dato che è noto che l’aria non lubrifica, i punti di attrito da lubrificare si usurano ulteriormente, comportando danni al motore.

Un ulteriore problema deriva dall’eccesso di rifornimento è l’aumentata pressione dell’olio. Questo può strappare dalla loro posizione o danneggiare le guarnizioni che devono trattenere l’olio nel motore, provocando quindi delle perdite al motore.

La sigla API significa American Petroleum Institute. Quest’ultimo stabilisce a livello mondiale i requisiti di qualità e i criteri di controllo dei lubrificanti, quali per es. l’olio per motore o per cambio.

Una domanda frequente riguarda quale tipo di olio sia adatto per i motori diesel. Ma i tempi in cui esistevano oli motore speciali per motori diesel sono passati ormai. I moderni oli per motore soddisfano sia i requisiti dei motori a benzina, sia quelli dei motori diesel. Nella scelta dell’olio motore adatto invece sono da considerare le specifiche o le certificazioni del produttore della vettura. Se queste sono riportate sull’etichetta del contenitore, l’olio può essere utilizzato per il corrispondente motore. Non importa se è diesel o a benzina.

Se una vettura viene utilizzata principalmente per brevi tragitti, la conseguenza è che l’acqua di condensa creatasi a seguito delle differenze di temperatura si mescola all’olio e non evapora. Questa emulsione olio-acqua si deposita poi in tutto il motore. Questo è visibile sul tappo di rifornimento dell’olio sotto forma di melma di colore marrone chiaro. Per liberare il motore da questa melma, LIQUI MOLY offre il prodotto di pulizia dai fanghi dell’olio.

Il colore di un olio per motore non è indice della sua qualità o età. Infatti, esistono per es. additivi chimici che modificano la vera colorazione dell’olio (ambrato) e quindi lo scuriscono.

Non esiste una formulazione generalizzata sulla frequenza di rabbocco dell’olio per motore. Il consumo di olio può variare fortemente anche in motori di tipo identico. Se non fosse presente un indicatore del livello dell’olio, conviene controllarne il livello a ogni rifornimento completo e comportarsi di conseguenza.

Nella scelta dell’olio motore adatto invece sono da considerare le specifiche o le certificazioni del produttore della vettura, contenute nel libretto d’uso della stessa. Se queste sono riportate sull’etichetta di un olio, questo potrà essere utilizzato per il corrispondente motore. Se non si è ancora sicuri, possono esservi di aiuto la nostra guida agli oli o la nostra consulenza telefonica al numero +49 731 1420-871.

Il livello dell’olio motore deve essere sempre controllato a temperatura d’esercizio. In tal modo si garantisce una lubrificazione ottimale del motore nel regime di temperature del suo normale funzionamento.

In linea di massima, nella scelta dell’olio per frese da neve si devono seguire le indicazioni del produttore. L’esperienza mostra però che il nostro Special Tec LL 5W-30 è adatto alla maggioranza delle frese da neve disponibili sul mercato.

Riceviamo spesso domande come “Che ne dite del fatto di cambiare l’olio motore solo ogni due anni?“. Senza un’analisi di laboratorio seria dell’olio usato, il conducente non può valutare le condizioni di un olio per motore solo in base al colore o all’attrito generato tra pollice e indice. La necessità di un cambio del lubrificante viene determinata dalla vettura stessa (ed è variabile), oppure viene stabilita dal produttore stesso in base a una percorrenza fissa o a un determinato periodo. In caso di intervalli di cambio variabili, è la vettura stessa che vi indica la scadenza. Nel menu della vettura è possibile consultare la percorrenza residua fino al cambio successivo. Se invece è previsto un intervallo di cambio fisso, la data è riportata generalmente sulla targhetta dell’olio nel vano motore oppure sul libretto di manutenzione della vettura.

Ovviamente sì! I motori moderni sono gruppi meccanici molto complessi. A causa delle elevate esigenze da soddisfare, questi motori necessitano di un lubrificante adatto ai loro materiali e alle loro caratteristiche. In caso contrario, l’aumentata usura potrebbe provocare danni al motore.

Dato che specialmente nei motori diesel, ma anche in quelli a benzina, nel circuito dell’olio si trovano residui di fuliggine, dopo i primi giri del motore spesso l’olio si colora di nero. Questo però non deve generare panico, perché l’olio fa quello che deve: pulisce! Infatti, assorbe i residui di fuliggine nel motore e li trasporta poi al filtro dell’olio.

La scadenza delle confezioni piccole è di cinque anni – a condizione che vengano conservate all’asciutto a temperature tra + 5 °C e + 30 °C e non esposte alla luce diretta del sole. Per la conservazione è ideale la cantina e non il garage.

In linea di massima si devono seguire le indicazioni del produttore dell’impianto a gas e del motore. Se il produttore della vettura prevede specifiche più generali (z. B. ACEA C2/C3 or C4), con un impianto a gas si dovranno preferire oli con poche ceneri come da tali specifiche. Inoltre, per i motori con propulsione a gas è preferibile usare Cera Tec come additivo per l’olio. È preferibile un dosaggio dal 7% all’8% nell’olio per motore.

L’olio per motori a 2 tempi si dissolve completamente nel carburante e non si separa da esso anche dopo una sosta prolungata.

I fattori determinanti per la scelta di un olio sono la qualità e le certificazioni del produttore, non la sua viscosità. Queste indicazioni sono riportate sull’etichetta della confezione. L’indicazione 5W-30 si riferisce solamente allo stato di fluidità di un olio a una determinata temperatura e non è un’indicazione di qualità.

Sì! Deve essere possibile miscelare gli oli per motore tra di loro per garantire sempre un rabbocco successivo. Tuttavia – a seconda dell’olio rabboccato che si usa – la qualità e le caratteristiche dell’olio presente nel motore cambiano.

A questo olio viene aggiunto del disolfuro di molibdeno. Questo additivo di color antracite modifica la colorazione “normale” dell’olio.